Arterie, tabagismo e… aterosclerosi

Spasm,3d,Illustration

In Svizzera, il 25% dei decessi legati al tabagismo è causato da malattie cardiovascolari. L’aterosclerosi è una malattia infiammatoria ed è una complicazione ben nota nella popolazione che fuma. Provoca la formazione di placche sulle pareti interne delle arterie che, ispessendosi, ostacolano il flusso sanguigno fino a ostruirlo completamente. Si tratta delle cosiddette placche aterosclerotiche o ateromi (in giallo sulla foto):

shutterstock_574083730(1)

Il lume dell’arteria si blocca gradualmente

Che cosa fa il tabagismo al cuore e ai vasi sanguigni?

Heart,Attack,Disease,Pain,As,An,Anatomy,Medical,Disease,Concept

Al tabagismo è dovuto il 25% delle malattie cardiovascolari.

Come si formano le placche aterosclerotiche (ateromi)?

Lipidi, detriti cellulari e altri componenti del sangue si depositano nel corso degli anni sulle pareti interne delle arterie e gradualmente ne restringono il lume. Le placche che formano si chiamano placche aterosclerotiche, o ateromi.

Queste placche si ispessiscono progressivamente, ostacolando sempre più il flusso sanguigno. Questa patologia, detta aterosclerosi, progredisce a lungo senza presentare sintomi. Fattori di rischio cardiovascolare quali il tabagismo, l’ipertensione arteriosa, la dislipidemia e il diabete favoriscono il graduale deposito di colesterolo sulle pareti delle arterie, causando la formazione di ateromi.

Qual è il legame tra il tabagismo e le placche aterosclerotiche?

  1. Il tabagismo favorisce l’accumulo di depositi lipidici: in concreto, aumenta il livello di colesterolo cattivo (detto anche colesterolo LDL) e riduce il livello di colesterolo buono (detto anche colesterolo HDL), che aiuterebbe a eliminare i depositi nelle arterie.
  2. La placca aterosclerotica che si forma nelle arterie delle persone che fumano e che presentano un tenore più elevato di lipidi extracellulari ha maggiori probabilità di staccarsi.
  3. Quando si stacca, le lesioni e la disfunzione endoteliali favoriscono l’adesione delle piastrine e portano alla formazione di un coagulo di sangue – un processo conosciuto come trombosi.
  4. Quando questo coagulo si stacca, le conseguenze sono spesso catastrofiche: infarto cardiaco, ictus cerebrale.
shutterstock_1518547034

Il coagulo di sangue può staccarsi

Che ruolo svolge la nicotina?

La nicotina stimola il sistema nervoso simpatico e il cuore, aumentando il fabbisogno di ossigeno del muscolo cardiaco. In concreto, aumenta la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna. Questo può provocare uno spasmo, ossia un improvviso restringimento del calibro dell’arteria dovuto alla contrazione della sua parete. Quando lo spasmo è totale a livello di arterie coronarie, l’arteria è completamente ostruita: si tratta della cosiddetta angina variante.

Spasm,3d,Illustration

Spasmo e restringimento del calibro dell’arteria

Tabagismo passivo, arterie e cuore…

L’esposizione al fumo passivo ha effetti sul cuore pari a quelli del tabagismo stesso e probabilmente generati da meccanismi biologici analoghi. Anche solo un’ora di esposizione al fumo passivo può già danneggiare il rivestimento interno delle arterie coronarie, aumentando il rischio di infarto miocardico.

Tabacco non fumato (da fiuto, da masticare, da succhiare) e cardiopatie coronariche

Anche il tabacco senza fumo è dannoso per la salute. Si ritiene che metalli tossici quali il cadmio o il nichel (16), così come altri additivi utilizzati dai fabbricanti per rendere il tabacco più appetibile (ad es. la liquirizia), abbiano un effetto deleterio sul sistema cardiovascolare. È provato che il tabacco senza fumo aumenta la pressione sanguigna e l’ipertensione cronica, due importanti fattori di rischio per le cardiopatie coronariche.

Malattie cardiovascolari multiple

Le malattie cardiovascolari sono un gruppo di patologie caratterizzate da danni ai vasi dell’organismo, in particolare:

L’aterosclerosi è la causa principale di infarto del miocardio, di ictus cerebrale e di arteriopatia obliterante degli arti inferiori. Il tabagismo ne favorisce l’insorgenza.

Per approfondire questo argomento…

La combinazione di più fattori negativi, anche di bassa intensità, può comportare un rischio molto elevato di malattie cardiovascolari.

I fattori di rischio non si sommano, bensì si potenziano a vicenda, ossia si aggravano l’un l’altro. Tra questi si distinguono:

Fonti: HUG, Genève

Riferimenti:
  1. Wood D, McEvoy JW,Cook K. (2020) Tabac & Cardiopathies coronariennes. Résumés des connaissances sur le tabac. World Heart Federation. OMS. Université Newcastle Australia.
  2. Les méfaits du Tabac sur le coeur et les vaisseaux. Fédération Française de Cardiologie. Un coeur qui va, la vie qui bat. Page du site consultée en mars 2022.
  3. The Health Consequences of Smoking—50 Years of Progress. (2014) A Report of the Surgeon General. Executive Summary. U.S. Department of Health and Human Services.
  4. United States Department of Health and Human Services. How tobacco smoke causes disease: the biology and behavioral basis for smoking-attributable disease: a report of the Surgeon General. Atlanta (GA): Centers for Disease Control and Prevention; 2010.
  5. P. Duriez, Mécanismes de formation de la plaque d’athérome, La Revue de Médecine Interne,Volume 25,  Supplement 1, 2004, Pages S3-S6,ISSN 0248-8663, https://doi.org/10.1016/j.revmed. 2004.04.010.
  6. Duell PB, Oram JF, Bierman EL.Nonenzymatic glycosylation of HDL and impaired HDL-receptor-mediated cholesterol efflux Diabetes. 1991 Mar;40(3):377-84.