ic launcheric launcheric launcheric launcheric launcher

Logo Stop-tabacco

Aiuto e consigli per smettere di fumare

ic launcheric launcheric launcheric launcher

logo tabacco 2019

Aiuto e consigli per smettere di fumare

Cancro della vescica e tabacco : dei legami ignoti

Quando si associano cancro e tabacco, si pensa immediatamente al cancro al polmone. Si pensa meno, o per niente, al cancro della vescica e tuttavia il tabagismo è il primo responsabile di questa patologia, con un rischio stimato da due a quattro volte superiore per i fumatori rispetto ai non fumatori. Qui di seguito troverete le spiegazioni del Dottor Morgan Rouprêt, medico all’ospedale universitario e chirurgo urologo al centro ospedaliero universitario francese della Pitié-Salpétrière.

 

Cancro della vescica : i numeri

« Il cancro della vescica è in genere poco conosciuto, tuttavia è un cancro molto aggressivo, di cui spesso si muore », dice il Dottor Morgan Rouprêt. Si tratta del nono cancro al mondo per incidenza di casi e del secondo cancro più frequente dell’apparato uro-genitale dopo quello della prostata, in termini di incidenza e prevalenza. Questo cancro tocca principalmente le persone che hanno più di 65 anni (il 70% dei pazienti diagnosticati). (1) La maggiore incidenza di cancro alla vescica si osserva nei paesi più sviluppati, in particolare in Nord America e nell’Europa occidentale. La mortalità è 5 volte superiore fra gli uomini che fra le donne. Una tale disuguaglianza dei sessi rispetto a questo genere di tumore si spiega con riferimento al tabagismo e all’esposizione a particelle nocive legata a certe professioni (vernici chimiche, idrocarburi, caoutchouc); « Il 90% dei tumori alla vescica sono uroteliali*», dice il Dottor Rouprêt. Questi tumori possono essere superficiali, e non invadere il muscolo della vescica, oppure infiltranti ed invadere il muscolo della vescica.

* uroteliale : tumore che riproduce le stesse caratteristiche della mucosa (urotelio) della vescica .

Cancro della vescica : il tabacco primo responsabile

« Il tabacco ha una parte di responsabilità nella maggior parte dei casi di tumori uroteliali » secondo il Dottor Rouprêt. Il legame fra il tabagismo ed il cancro alla vescica è provato da numerosi studi che sono stati fatti negli anni ’70 ed ’80. Uno studio pubblicato nell’agosto 2011 sulla rivista medica JAMA (The Journal of the American Medical Association) e condotto su 281'394 uomini e 186'134 donne ha mostrato ancora una volta che il tabagismo rappresenta un fattore di rischio importante per il cancro alla vescica nei due sessi. Le conclusioni? Le persone che attualmente fumano corrono un rischio circa 4 volte più elevato, rispetto alla persone che non hanno mai fumato, di contrarre un cancro della vescica.

Come si spiega l’incidenza della tossicità del tabacco sulla vescica ? « Le sostanze tossiche del tabacco si depositano e sono stoccate nella vescica » spiega l’urologo. E aggiunge : « Siccome la vescica è un organo di stoccaggio il tempo di contatto fra la parete della vescica e le sostanze nocive e cancerogene è prolungato ». « Al contrario, le cavità dei reni e le uretre sono organi di passaggio, cosa che spiega il minor numero di tumori nelle vie di escrezione superiori ». Due fattori devono esser tenuti in considerazione: la durata del tabagismo e la quantità di sigarette fumate. Il Dottor Rouprêt dice infatti che « esiste un’accumulazione degli effetti nocivi nel tempo ». In questo modo l’incidenza del cancro della vescica è direttamente legata agli anni di tabagismo ed al numero di sigarette fumate ogni giorno. Allo stesso modo, il rischio di cancro della vescica è più elevato nelle persone che hanno cominciato a fumare da giovani e in quelle che sono state esposte al fumo fin dall’infanzia.

Proteggete la vostra vescica: smettete di fumare

La disintossicazione dal tabacco ridurrebbe l’incidenza del cancro della vescica in uomini e donne. Allo stesso modo, una riduzione immediata del rischio di cancro della vescica è stata osservata nelle persone che hanno smesso di fumare. Questa riduzione del rischio progredisce passando da -40% a -60% dopo un periodo che va da 4 a 25 anni senza fumo.(2) La disintossicazione dal tabacco è benefica anche quando la malattia è già stata diagnosticata. « Ci sono molte recidive di questo tipo di cancro ; smettere di fumare riduce effettivamente il rischio di recidive » dice il Dottor Morgan Rouprêt. Inoltre « smettere di fumare permette di ridurre la possibilità di veder comparire un tumore multifocale », aggiunge l’urologo. Ora, in caso di multifocalità, vale a dire in caso di presenza di diversi tumori può essere necessario ricorrere alla cistectomia, asportazione completa della vescica, con tutte le conseguenze che si possono immaginare sulla qualità della vita

La lotta contro il tabagismo è uno dei metodi per fare abbassare l’incidenza di questa malattia lcon prognosi rischiose, la cui cura è complessa e comporta conseguenze pesanti per il paziente.

Sintomi e diagnosi

Il cancro del rene rappresenta il terzo cancro urologico per incidenza dopo quello della prostata e della vescica. Questo genere di tumore tocca principalmente gli uomini ed è in costante aumento. Il cancro della vescica è relativamente in aumento. Tocca all’incirca 10'000 persone all’anno, principalmente uomini fra i 50 ed i 70 anni. Non esiste una causa unica alla base dei tumori del rene e della vescica. Ad oggi, i fattori di rischio più noti sono il tabacco e l’esposizione a prodotti chimici. E come per ogni tipo di cancro, prima la malattia è diagnosticata, maggiori sono le possibilità di guarigione.

I segni ed i sintomi descritti di seguito non annunciano necessariamente la presenza di un cancro. Per dissipare i dubbi è importante consultare un medico.

Per il cancro del rene:

  • Un bozzo o una massa percepibile nella regione dell’addome (in caso di cancro al rene ma poco frequente in caso di cancro all’uretra)
  • Presenza di sangue nelle urine
  • Dolore lombare o ai lati dell’addome o sotto le coste

Per il cancro della vescica :

  • Bisogno frequente di urinare
  • Ritardo nella minzione (difficoltà a cominciare a urinare)
  • Spasmi alla vescica
  • Dolore o sensazione di bruciore durante la minzione
  • Infezioni frequenti delle vie urinarie

Per la diagnosi si utilizzano dei test che permettono di effettuare un esame approfondito degli organi, dei tessuti e delle ossa : radiografia a raggi X – ecografia (ultrasuoni) – Tac – risonanza magnetica, scintigrafia ossea.

Infine, una biopsia permette di stabilire con certezza una diagnosi di tumore. Quest’esame consiste nel prelevare delle cellule o dei tessuti dall’organismo per esaminarli al microscopio. L’urografia o la pilografia permettono, in seguito a delle iniezioni di sostanze coloranti di visualizzare il contorno dei reni, delle uretre e della vescica e di esaminare le arterie che forniscono sangue ai reni.

[Image]
Ecografia che mostra un tumore dei reni
(vedere la punteggiatura)


[Image]
Tac che rivela un cancro del rene sinistro


Risonanza magnetica che mostra un cancro al rene sinistro

Trattamenti

  • Cistoscopia combinata con un irradiamento o un trattamento al laser: distruzione dei tessuti maligni per mezzo di una corrente elettrica (irradiazione ) o di un fascio di luce speciale ad alto contenuto di energia (raggi laser). Questo trattamento che deve essere ripetuto più volte può rimpiazzare la chirurgia nel caso di tumori superficiali o papillari della vescica.
  • Terapia agli ormoni: somministrazione di ormoni, sotto forma di compresse o di iniezioni, allo scopo di ridurre la dimensione del tumore renale.
  • Trattamento chirurgico (Rimozione completa o parziale di un tumore e di alcuni tessuti adiacenti), radioterapia (distruzione delle cellule cancerose per mezzo di raggi X ad alta energia) e/o chemioterapia (somministrazione di farmaci che impediscono lo sviluppo e la propagazione delle cellule cancerose).

Cause del cancro

Non c’è un’unica causa per i tumori del rene e della vescica ; possono tuttavia essere indicati alcuni fattori di rischio, quali :

  • Età (I tumori del rene e della vescica sono diagnosticati soprattutto dopo i 50 anni )
  • Sesso (il cancro del rene e della vescica toccano più gli uomini che le donne)
  • Tabagismo
  • Obesità
  • Uso prolungato della fenacetina, un analgesico
  • Dialisi di lunga durata (per il cancro del rene )
  • Esposizione a forni metallurgici a carbone coke nell’industria siderurgica
  • Mutazione genetica
  • Il rischio di cancro del rene resta ugualmente più elevato per i lavoratori che hanno contatti con l’amianto, allo stesso modo che per le persone che sono state sottoposte a dei trattamenti radioterapici che attualmente non sono più utilizzati.
  • Esposizione a certi coloranti utilizzati nell’industria chimica (cancro della vescica)
  • Biliarziosi (cancro della vescica in Africa ed in Asia): provocata da un’infezione parassitaria

Importante: I tumori del rene e della vescica possono a volte apparire anche in assenza di tutti questi fattori di rischio.

Prognosi

Il cancro del rene è responsabile del 2.4% dei decessi per cancro (2.5% negli uomini e 2,3% nelle donne). A Ginevra (in Svizzera) rappresenta la dodicesima causa di morte per cancro fra le donne e l’undicesima fra gli uomini.

Il cancro della vescica rappresenta la causa del 3.8% dei decessi per cancro all’anno (5.4% fra gli uomini ed il 2.6% fra le donne). A Ginevra, questo tipo di tumore rappresenta la decima causa di decesso per cancro per le donne e la sesta per gli uomini.

Grafici e statistiche

Il cancro del rene rappresenta il 2,5% dei tumori negli adulti. La sua incidenza in Svizzera è di 11 su 100'000 abitanti, vale a dire 550 nuovi casi all’anno. L’età media in cui viene effettuata la diagnosi è di 62 anni. La proporzione rispetto al sesso è di 2 uomini per 1 donna.

Il cancro della vescica rappresenta il 3.6% dei casi di cancro negli adulti. La sua incidenza in Svizzera è di 16 casi su 100'000 persone, vale a dire 800 nuovi casi all’anno.


 

Per saperne di più

Riferimenti

(1) INVS, données 2005, www.invs.sante.fr/surveillance/cancer
(2) Kaufman DS, Shipley WU, Feldman AS: Bladder Cancer. The Lancet 2009; 374: 239 - 249

Autori:
Anne-Sophie Glover-Blondeau , Evelyne Laszlo

 

Per andare oltre